Coregonus lavaretus

Coregonus lavaretus is a species of freshwater whitefish, in the family Salmonidae. It is the type species of its genus Coregonus.

There are widely different concepts about the delimitation of the species Coregonus lavaretus and about the number of species in the genus Coregonus in general.

In a narrow sense, Coregonus lavaretus, or the lavaret, is considered to be endemic to Lake Bourget and Lake Aiguebelette in the Rhône river basin in France, whereas it formerly also occurred in Lake Geneva. According to this view there is a great number of distinct whitefish species in lakes

Brazil Away DOUGLAS COSTA 7 Jerseys

Brazil Away DOUGLAS COSTA 7 Jerseys

BUY NOW

$266.58
$31.99

, rivers and brackish waters of Central and Northern Europe.

In the broad sense, Coregonus lavaretus, referred to as the common whitefish or European whitefish, is widespread from central and northwest Europe to Siberia. Often called the C. lavaretus complex and considered as a superspecies, it encompasses many of the whitefish populations suggested by others to be locally restricted species (such as the British powan and the gwyniad or the Alpine gravenche, as well as distinct intralacustrine morphs and populations characterized by different feeding habits, gill raker numbers, growth patterns and migration behaviour. Genetic studies suggest that the whitefish diversity within this complex is mostly of post-glacial origin. The resource polymorphism represented by the feeding morphs has evolved repeatedly and independently within individual lakes, and similar morphs in different lakes are not related to each other.

There is much variation among the European whitefish forms, but in general they have a tapered body, a slightly protruding upper jaw and a fleshy dorsal fin that is typical of the salmon family. The snout is short and tapered, a fact that distinguishes this species from the two other North European Coregonus species, vendace (Coregonus albula) and the introduced peled (Coregonus peled). The former has a protuberant lower jaw while in the latter, the jaws are equal in length. The back is bluish green or brownish, the flanks silvery and the belly white. The fins are dark grey. This fish seldom grows more than 55 cm (22 in) long or exceeds 2 kg (4.4 lb) in weight.

The European whitefish mostly feed on bottom-dwelling invertebrates or zooplankton. Larger fish also take insects off the surface of the water and eat fish fry. Breeding takes place in the autumn between September and November, largely depending on the water temperature. Different populations in the same sections of water may spawn at different times. Many populations in seas and lakes tend to make their way up-river to spawn modern water bottle, but others populations remain in lakes or the sea even when breeding.

Bataille de Zurich, 25 septembre 1799

Vous pouvez partager vos connaissances en l’améliorant (comment ?) selon les recommandations des projets correspondants.

Vue générale de l’œuvre

La Bataille de Zurich, 25 septembre 1799 est un tableau de François Bouchot how to put on a football uniform, peint en 1835. Il s’agit de l’une des œuvres visibles dans la galerie des batailles, au château de Versailles, en France.

La Bataille de Zurich est une huile sur toile, de 4,65 m de haut sur 5,43 m de long. Elle représente une scène de la bataille de Zurich, en 1799.

L’œuvre est située dans la galerie des batailles, dans le château de Versailles hydration running backpack. Les toiles de la galerie étant disposées par ordre chronologique, elle est placée entre celles représentant la bataille de Rivoli (1797) et la bataille de Hohenlinden (1800).

En 1833, le roi Louis-Philippe, au pouvoir depuis 3 ans, décide de convertir le château de Versailles en musée historique de la France. La galerie des Batailles est inaugurée en 1837. 33 toiles monumentales y sont disposées, dépeignant des épisodes militaires de l’histoire de France.

François Bouchot peint la toile en 1835.

François Bouchot (1800-1842) est un peintre français.

Mike Zubi

Mike Zubi (Buenos Aires, Argentina, 19 de marzo de 1987) es un cantante, autor y actor argentino.

Mike Zubi es un cantante, compositor y actor argentino.

Se destacó por su participación en la serie de Telefé Supertorpe, en el personaje de Antonin, así como su reciente debut en la escena teatral de París bajo la dirección del aclamado Roman Polanski

Entre sus trabajos en teatro se incluye un homenaje a Tennessee Williams en el Teatro Nacional Cervantes. Durante el 2011 realiza una temporada de Noche de Reyes de William Shakespeare en formato musical junto a Felipe Colombo, Laura Azcurra y Rita Terranova.

En 2012 aparece en De la Materia de los Sueños nuevamente en el Teatro Nacional Cervantes, compartiendo escenario con Luis Brandoni shaver for clothes, Thelma Biral y Maricel Álvarez, entre otros.

Asimismo, el 27 de marzo de 2012 lanza su primer EP de corta duración, titulado Más que nada en ti. El mismo fue grabado en Barcelona y producido por Elefantito Records large glass bottles, con el liderazgo de Lucas Masciano. El disco incluye No vas a volver como primer sencillo, canción que luego sería utilizada para el film Solo, de Marcelo Briem Stamm.

En el 2012 personifica al personaje de “Dionisio” en la Serie Yo soy virgen 2 protagonizada por Nicolás Maiques.

En septiembre de 2012 su canción “Despierta” es elegida por la aerolínea brasileña TAM para representar a la ciudad de Buenos Aires como destino turístico. Más tarde ese año se presenta en vivo desde la Usina del Arte de la Ciudad de Buenos Aires con un concierto acústico presentando todas las canciones de su EP, en el ciclo “Usina en Vivo”.

A fines del 2012 realiza junto a Nicolás Maiques un ciclo de dos videoclips navideños: “Jingle Bell Rock” y “Noche De Paz” para ser transmitidos en Yups Channel como parte de la “Navidad Yups”.

En 2013 filma la película Solo, dirigida por Marcelo Briem Stamm y distribuida por TLA Releasing, la cual se estrena en el QFest en Filadelfia, Estados Unidos, en julio del mismo año, y en octubre en Argentina.

El 14 de enero de 2014 sale a la venta el disco “Escalera Al Cielo” del cantautor español Kairo. Juntos componen e interpretan la canción “Los Podemos Salvar” que forma parte del mismo.

En 2014 es elegido por Roman Polanski para formar parte de su elenco de la versión francesa de El baile de los vampiros en el Teatro Mogador de la ciudad de París. Luego de realizar ese trabajo participa del film Le Voyageur dirigido por el franco-libanés Hadi Ghandour.

Se destaca también por muchos trabajos como doblador para Disney Channel

Gunung Pinengsicanek

Gunung Pinengsicanek är ett berg i Indonesien. Det ligger i provinsen Aceh, i den västra delen av landet, 1 700 km nordväst om huvudstaden Jakarta. Toppen på Gunung Pinengsicanek är 1 558 meter över havet aluminum water bottles, eller 74 meter över den omgivande terrängen. Bredden vid basen är 1,5 km.

Terrängen runt Gunung Pinengsicanek är huvudsakligen kuperad, men åt nordost är den bergig. Den högsta punkten i närheten är 1 860 meter över havet, 1,7 km söder om Gunung Pinengsicanek. Runt Gunung Pinengsicanek är det ganska tätbefolkat, med 155 invånare per kvadratkilometer cheap football socks. I omgivningarna runt Gunung Pinengsicanek växer i huvudsak städsegrön lövskog. I trakten runt Gunung Pinengsicanek finns ovanligt många namngivna berg.

Årsmedeltemperaturen i trakten är 18 °C. Den varmaste månaden är april, då medeltemperaturen är 20 °C, och den kallaste är augusti best running waist belts, med 16 °C. Genomsnittlig årsnederbörd är 2 663 millimeter running water bottle waist pack. Den regnigaste månaden är december, med i genomsnitt 343 mm nederbörd, och den torraste är juli, med 130 mm nederbörd.

Johannes Seland

Johannes Seland, også kjent som Johs. Seland, (født 14. september 1912 waterproof case 5s, død 31 lint shaver for clothes. desember 1999) var en norsk redaktør og politiker for Venstre.

Johannes Seland ble født i Nes i Flekkefjord i 1912 collapsible water bottle. Hans far Ingvald Seland var redaktør av Avisen Agder i Flekkefjord i over femti år. Johannes Seland fikk allerede som ung opplæring som typograf og journalist i Avisen Agder og i 1934 ble han 22 år gammel redaktør for den nystartede avisen Vest-Agder i Farsund.

Under den tyske okkupasjon var Seland involvert i den lokale etterretningsgruppa Cheese som sto under kommando av den britiske Special Operations Executive. I 1942 måtte han flykte til Storbritannia hvor han ble informasjonssekretær for regjeringen i London og samtidig virket som journalist.

Ved tilbakekomsten til Norge ble han i 1946 redaktør i avisen Fædrelandsvennen, en stilling han hadde fram til 1979.

Han var ordfører i Kristiansand for Venstre I953–1955 og suppleant til Stortinget fra Vest-Agder i perioden 1954–1957.


Portal: Andre verdenskrig

Morris Hillquit

Morris Hillquit (Riga, 1869-Nueva York, 1933) fue un abogado y activista político estadounidense, de ideología socialista.

Nacido en 1869 en el Imperio ruso, en la ciudad lituana de Riga, emigró en 1886 a los Estados Unidos.​ Hacia 1887 ingresó en el Partido Socialista Laborista de América, para años más tarde Women Bracelet Plating, en 1901, pasar a hacerlo en el recién fundado Partido Socialista de América,​ del que sería una de sus principales figuras best sports water bottle, junto a Eugene V. Debs.​ Fue uno de los cuatro candidatos a la alcaldía de Nueva York en las elecciones de 1917.​ Falleció en Nueva York el 8 de octubre de 1933.​

De origen judío,​​ rechazaba sin embargo la práctica de la religión y se consideraba agnóstico cool football shirts.​ Hillquit, descrito como pacifista,​ fue autor de obras como History of Socialism in the United States (Funk & Wagnalls Company battery operated sweater, 1903),​​ Socialism in Theory and Practice (The Macmillan Company, 1909),​ From Marx to Lenin (The Hanford Press, 1921)​​ o Loose Leaves from a Busy Life (The Macmillan Company, 1934),​ entre otras.

Voss (niedersächsische Adelsgeschlechter)

Voss, in frühen Urkunden auch Vos, auf lateinisch Vulpes oder Wlpes genannt, ist der Name mehrerer Niederadeligen Familien aus Nordwest-Deutschland. Drei davon führten einen roten Fuchs in einem goldenen Feld: die Familie Voss aus Vechta, die Familie Voss aus Diepholz und die Familie Voss zu Päpinghausen. Eine Beziehung zu den Mecklenburgischen Familien Voß und der Altmärkischen Voss konnte bisher nicht hergestellt werden, aber da im Zuge der Ostkolonisation viele Kolonisten darunter auch der niedere Adel aus Westfalen, Niedersachsen und der Benelux im heutigen Ostdeutschland und Polen einwanderten wäre eine Verwandtschaft nicht undenkbar. Zudem sind Vornamen sowie Johannes

Fútbol Club Barcelona Home JORDI ALBA 18 Jerseys

Fútbol Club Barcelona Home JORDI ALBA 18 Jerseys

BUY NOW

$266.58
$31.99

, Heinrich und Friedrich sowohl bei den Voss aus Mecklenburg und aus dem Osnabrücker Nordland bei den frühen Generationen vertreten.

Diese Familie taucht 1220 mit Johannes Vulpes als Zeuge der Grafen von Ravensberg in Vechta auf. Die Familie war oder wurde ansässig im benachbarten Osnabrücker Nordland. Die meisten Güter befanden sich entlang dem Weg von Quakenbrück nach Bersenbrück. Dort teilte sich die Familie in zwei Linien auf. Die ältere Linie wurde ansässig auf dem Burgmannshof Nr. 5 (Loxterhof) und eine jüngere Linie auf dem Gut Mundelnburg.

Die ältere Linie Voss besaß folgende Güter (× = Gebäude abgerissen): Voss Burgmannshof (Nr. 5) alias “Loxterhof”, Loxterhof 2 in Quakenbrück.(× 1964) In Besitz von 1389 bis 1666. Burgmannshof (Nr. 10), Langestraße 18 in Quakenbrück. In Besitz seit Ende 17. Jh. – 1748. Gut Hamm(×), auch Voßhamm, Vosshagen oder Hammerhof genannt in Nortrup. Seit 1977 ist das Erbwohnhaus eingelagert im Besitz des Museumsdorf Cloppenburg. In Besitz von 1584 bis 1666 kids football shirt sale. Gut Voßdiek, Diek (=Teich), Voßberg oder Vossburg in Langwege(×, 1877). In Besitz von 1519 bis 1677 Hof von Hammerstein zu Loxten (×), Seminarstraße 33, Stadt Osnabrück. In Besitz 1666. Hof v.Voß zu Böckel (×), Hakenstraße 12, Stadt Osnabrück. In Besitz seit Mitte 17. Jh.-1705. Gut Laer bei Melle. In Besitz vor 1649–1666

Gut Böckel oder “Voßböckel” im Ortsteil Bieren mit Holzgericht Kilvernsche Mark und den Obermeierhof in Schwenningsdorf. In Besitz um 1555 (1540?)-1763. Gut Altenböckel oder “Hakenböckel” (×) im Ortsteil Bieren, südlich von Gut Böckel. In Besitz um 1662–1763. Gut Hölzernklinke (×), vermutlich an der heutigen Klinkstraße (?) in Bünde. In Besitz von ca. 1650 – 1711. Gut Groß-Eickel bei Blasheim. In Besitz von 1747 bis 1765 Gut Klein Eickel bei Blasheim. In Besitz von 1747 bis 1765

Burg Vellinghausen in Vellinghausen zwischen Hamm und Soest. In Besitz von 1700 bis 1748 Haus Heidemühle/Hudemühlen (×), in Hamm-Uentrop. In Besitz um 1699–1748.

Die jüngere Linie Voss wurde ansässig auf:• Mundelnburg (×) in Borg/Wasserhausen. In Besitz von 1350 bis 1727 Voss Burgmannshof (Nr. 4) “Vosshagen” oder “Elmendorffhof”, am Markt 6 in Quakenbrück. In Besitz von ca. 1486–1727

Gut Bakum zu Bakum um 1527–1731.(×) Gut Südholz / Sutholt-Tribbe zu Bakum um 1600~1631.(×)

Gut Ertbrügge in Nellinghof (×). In Besitz bis ca. 1440.

Die Voss zu Quakenbrück führten einen schreitenden roten Fuchs in Gold. Dieser wird auf dem Helm wiederholt.

Diese Familie war vom frühen 16. Jahrhundert bis ins späte 19. Jahrhundert in Diepholz auf dem Gut Münte sesshaft. In der Sammlung des Max von Spießen wird der Stammvater der Voss zur Münte bpa free bottled water, der Landdroste von Oldenburg-Jever und spätere Drost zu Diepholz Cord Voss (vor 1523–1587), mit dem Zweig Mundelnburg verbunden. Neueren Studien zufolge soll dieser aber nicht aus Quakenbrück stammen; auch die Stammfolge in der Buchreihe Adelsproben des Deutschen Ordens nennen die Mundelnburger Linie nicht.

Führte wie die Familie Voss aus Quakenbrück einen natürlichen Fuchs in Gold. Allerdings einen springenden Fuchs sowohl auf dem Helm als im Schild. Schildträger und Motto sind vermutlich erst im 19. Jahrhundert im Wappen aufgenommen worden.

Die Voss zu Päpinghausen aus dem Raum Minden treten von der ersten Hälfte des 13. Jahrhunderts bis ins frühe 14. Jahrhundert in Mindener Urkunden auf. Danach verliert sich deren Spur und scheint die Familie in der männlichen Linie ausgestorben zu sein. Diese Familie führte im Schilde einen aufrechten Fuchs mit herabhängenden Schwanz.

NEDOPIL,L., 1868 “Deutsche Adelsproben aus dem Deutschen Ordens-Central-Archive” Vol. 2 “Supplement” Selbstverlag des Deutschen Ritter-Ordens/W. Braumüller, Wien. Nr. 7355, S. 460

Lee Hae-chan

Lee Hae-chan (born July 10, 1952) is a member of the liberal Minjoo Party of Korea (Democratic Party), and was elected seventh times for the National Assembly stainless steel water bottle insulated.

He was the former Prime Minister of South Korea. He was nominated by president Roh Moo-hyun on June 8, 2004 best stainless steel thermos, confirmed by the National Assembly on June 29, and took office on June 30. On March 14, 2006, he resigned amidst the so-called golf game scandal.

He also served as the minister of education under former president Kim Dae-jung from 1998 to 1999, presiding over controversial education reforms including revamping the college entrance process and lowering the retirement age of teachers. The first reform in particular, which at the time was summed up in the slogan that being good at one thing was enough to get into college, was criticised for allegedly lowering dramatically the scholastic competence of the so-called “Lee Hae-chan generation” of then-high school students.

His nomination as prime minister met some resistance due to his record as minister of education fluff shaver, which many consider a failure. Since taking office, however, Lee has proved an able prime minister, being described by some as the most powerful prime minister South Korea has seen.

On March 1, 2006, the Korean Railroad Workers Union and Seoul Subway Union entered a strike together. The strike of railroad and subway at the same time proved to be a fatal blow at the nation’s economic activity, especially Seoul area, where traffic heavily depend on subway, which is controlled by these two unions. Prime Minister Lee was supposed to command the situation and mediate the strike; however, he was playing golf at Busan area with local businessmen, and this caused massive distaste among Korean people against Lee for not taking care of the government and people.

Sławomir Radoń

Sławomir Radoń (ur. 8 stycznia 1957 w Biertowicach, zm. 15 lutego 2011 w Krakowie) – polski historyk, naczelny dyrektor Archiwów Państwowych (2006–2011).

W 1979 ukończył studia na Wydziale Filozoficzno-Historycznym Uniwersytetu Jagiellońskiego, w 1989 uzyskał stopień doktora nauk historycznych personalized soccer t shirts. Studiował również nauki polityczne i religioznawstwo lint pill remover. Był stypendystą w Archives Nationales w Paryżu i Instytucie Józefa Piłsudskiego w Nowym Jorku.

Od 1984 (z przerwą w latach 1989–1991) pozostawał zatrudniony w Archiwum Państwowym w Krakowie. W 1991 objął stanowisko dyrektora tej jednostki (jako pierwszy dyrektor wyłoniony na drodze konkursu). W latach 1995–2005 wchodził w skład Rady Archiwalnej przy naczelnym dyrektorze Archiwów Państwowych. W okresie 2006–2011 sprawował urząd naczelnego dyrektora Archiwów Państwowych. Zainicjował wiele działań modernizacyjnych w sieci archiwów, m.in. poprzez utworzenie Narodowego Archiwum Cyfrowego i budowę Zintegrowanego Systemu Informacji Archiwalnej (ZoSIA) fanny pack running.

Opublikował około 30 prac naukowych z zakresu historii Polski i archiwistyki. Pełnił funkcję redaktora naczelnego “Krakowskiego Rocznika Archiwalnego”.

W 1999 z rekomendacji parlamentarzystów AWS został powołany w skład Kolegium Instytutu Pamięci Narodowej. W 2007 Sejm wybrał go na drugą kadencję, był kandydatem zgłoszonym przez posłów Prawa i Sprawiedliwości.

Servizio pubblico (programma televisivo)

Servizio pubblico è stato un programma televisivo e radiofonico d’approfondimento politico condotto da Michele Santoro, a partire dal 3 novembre 2011 al 18 giugno 2015.

Il programma era realizzato nel Teatro 3 di Cinecittà e dal 25 ottobre 2012 andava in onda, in prima serata, su LA7.

In Italia è stato uno dei primi esperimenti di trasmissione “multipiattaforma”: particolarmente nel corso della prima stagione, Servizio pubblico, non trovando posto in alcun emittente nazionale in chiaro fino al 2011, poteva essere seguito su internet, in televisione tramite una rete di emittenti locali su digitale terrestre e tramite satellite, e in radio, salvo poi approdare anche su Cielo nel 2012.

La trasmissione nacque dall’interruzione in Rai dello storico talk-show politico Annozero e fu contrassegnata da accese polemiche sulla libertà d’informazione in Italia, in particolare con riferimento al controllo della RAI da parte dei partiti politici. Lo stesso Santoro dichiarò nel suo monologo d’introduzione alla prima puntata, che l’idea di un programma sostenuto dal contributo economico di numerosi cittadini, diffuso fuori dai tradizionali poli televisivi su una multipiattaforma TV, web e radio, costituiva il tentativo di una «rivoluzione civile, democratica e pacifica», «contro il degrado della TV generalista occupata dai partiti, sia nel pubblico che nel privato».

I rapporti tra Michele Santoro, RAI e mondo politico sono caratterizzati da innumerevoli polemiche già a partire dai primi anni 2000, dove il giornalista è travolto da critiche e accuse di faziosità da parte degli esponenti politici di centro-destra e, nel 2002, dal cosiddetto “editto bulgaro” dell’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, evento quest’ultimo che preluderà il suo licenziamento dalla RAI effettuato per «motivi di tutela aziendale».

Il ritorno del conduttore in Rai avviene dopo una sentenza del 2005 del Giudice del lavoro del Tribunale di Roma (successivamente impugnata dal CdA Rai a maggioranza di centro-destra, tuttavia confermata in appello nel marzo 2009) che riconoscendo il licenziamento non motivato da giusta causa ordina la reintegrazione del giornalista: nel 2006 inizia il nuovo talk-show Annozero.

Anche la nuova trasmissione sarà contrassegnata da numerose controversie, che culmineranno nuovamente, nel giugno 2011, con la risoluzione del rapporto di lavoro tra il giornalista e la RAI.
In particolare nel 2010 si accende un dibattito sulla censura in Rai a seguito della diffusione di alcune intercettazioni telefoniche nell’ambito dell’inchiesta di Trani tra il commissario dell’AGCOM Giancarlo Innocenzi, l’allora Presidente del Consiglio Berlusconi e il direttore generale della RAI Mauro Masi. Dall’inchiesta – come precisato dalla stessa Procura – emergeranno da parte di Berlusconi delle «pressioni sull’AGCOM per arrivare alla chiusura di Annozero» nonché ulteriori pressioni per la chiusura degli altri programmi RAI Ballarò e Parla con me.
Nell’aprile 2011 Santoro subirà un ulteriore ricorso presentato dal direttore generale RAI Mauro Masi alla Corte d’appello di Roma, in cui si invocava la sospensione di Annozero in attesa del giudizio di terzo grado sulla vicenda del suo licenziamento; ricorso anch’esso respinto.
In questo clima di tensione il 6 giugno 2011, alla vigilia della sentenza di terzo grado che avrebbe posto definitivamente termine al contenzioso, viene definitivamente concordata la «risoluzione consensuale» del rapporto di lavoro tra Santoro e la RAI, e viene annunciato che Annozero non sarà presente nei palinsesti per l’autunno successivo.

Visto il gran successo di Annozero in termini di ascolti e introiti pubblicitari, dopo il divorzio consensuale tra la RAI e il suo conduttore, l’emittente televisiva LA7 si interessa di Santoro per produrre il talk-show. Tuttavia nonostante entrambe le parti dichiarino nel corso delle trattative di esser giunti a un accordo quasi definitivo e nonostante il titolo della società Telecom Italia Media (editrice di LA7) il giorno seguente la notizia sia oggetto in borsa di un rialzo del 17%, l’accordo, tra svariate polemiche, non si chiude «a causa d’inconciliabili posizioni riguardo alla gestione operativa dei rapporti fra autore ed editore».

Secondo Santoro «un accordo praticamente concluso», «vanificato senza nessuna apprezzabile motivazione editoriale», è una «eloquente e inoppugnabile prova dell’esistenza nel nostro Paese di un colossale conflitto di interesse», che impedisce a Telecom Italia, proprietaria della maggioranza delle azioni di TI Media (LA7), di svolgere in libertà la sua campagna acquisti, per non esporsi altrimenti a possibili ritorsioni da parte del governo e del suo premier Silvio Berlusconi, che avrebbero l’interesse a mantenere invariato il duopolio televisivo RAI-Mediaset.

La tesi del conflitto d’interessi nel caso Santoro-LA7 è ulteriormente rimarcata da un’inchiesta condotta da il Fatto Quotidiano, e sostenuta in particolare dal giornalista Marco Travaglio, che mette in evidenza come nel giorno 28 giugno fosse in discussione in Parlamento una prima bozza della manovra finanziaria del governo (approvata poi a luglio) in cui compariva un’inaspettata norma che imponeva a Telecom Italia (che controlla TI Media) l’esproprio delle strutture della rete telefonica fissa dopo averla potenziata a proprie spese, sempre nella stessa inchiesta si fa notare inoltre come il 30 giugno, giorno della rottura con Santoro, fosse contemporaneamente scomparsa tale norma dalla manovra.

Nell’edizione delle 20 del TG LA7, il direttore di testata Enrico Mentana, dopo aver mandato in onda un servizio sull’argomento, si rivolge all’editore del canale chiedendo pubblicamente delle spiegazioni, perché «altrimenti si è autorizzati a pensare che qualcuno non volesse questo risultato», e cioè che Mediaset avesse voluto impedire l’ingresso di Santoro a LA7 per evitare il rafforzamento della rete concorrente operando una «censura di mercato». In risposta TI Media ribadisce le motivazioni ufficiali della rottura con Santoro e commenta le ipotesi di collegamento con i passaggi parlamentari sulla manovra finanziaria come «prive di fondamento reale».

Santoro, per le sue dichiarazioni sul conflitto d’interessi del premier sul caso LA7, viene citato in giudizio da Mediaset per danni.

Fallito l’ingaggio a LA7, Santoro, seguendo il modello delle sue esperienze pregresse Raiperunanotte e Tutti in piedi, decide di autoprodurre il suo nuovo programma per trasmetterlo su una multipiattaforma Web e di emittenti TV locali e satellitare, avvalendosi anche del finanziamento volontario dei telespettatori tramite sottoscrizioni a partire da 10 euro.

L’11 settembre 2011 Santoro, ospite alla festa del secondo anniversario de il Fatto Quotidiano in Marina di Pietrasanta, annuncia ufficialmente la sua nuova trasmissione con il titolo di Comizi d’amore, in omaggio a Pier Paolo Pasolini e al suo film-inchiesta del 1965, annunciando inoltre la costituzione dell’Associazione Servizio Pubblico dedita alla raccolta fondi dei telespettatori. Nella stessa occasione il direttore de il Fatto Quotidiano Antonio Padellaro rivela pubblicamente l’intenzione del giornale di sostenere economicamente il progetto divenendone socio editore.

Il giorno 8 ottobre 2011 viene attivato il sito web del programma e ha inizio la raccolta delle donazioni. Nel suo primo giorno il sito registra 90 000 visitatori unici, in quattro giorni di raccolta la redazione dichiara di aver raggiunto 400 000 euro, e nel corso della diretta della prima puntata lo stesso Santoro annuncia il raggiungimento di 100 000 sottoscrizioni per un totale di circa un milione di euro.

Molti sono i personaggi celebri che hanno pubblicamente dichiarato la loro sottoscrizione, tra i più noti il premio Nobel Dario Fo, i politici Antonio Di Pietro, Nichi Vendola, Giuliano Pisapia, Luigi De Magistris, Flavio Tosi, Michele Emiliano, Flavio Zanonato, Massimo Zedda, e ancora Umberto Ambrosoli, Lucia Annunziata, Edoardo Bennato, Alessandro Bergonzoni, Alessio Boni, Adriano Celentano, Daria Colombo, Francesca Comencini, Luisella Costamagna running belt water bottle holder, Serena Dandini, Teresa De Sio, Pierfrancesco Favino, Fabio Fazio, Isabella Ferrari, Sabrina Ferilli, Mario Borghezio, Rosario Fiorello, Elio Germano, Monica Guerritore, Ficarra e Picone, Leo Gullotta, Riccardo Iacona, Lucrezia Lante della Rovere, Franca Leosini, Lillo e Greg, Fiorella Mannoia, Dacia Maraini, Mario Martone, Corradino Mineo, Claudia Mori, Gianluigi Nuzzi, Barbara d’Urso, Max Paiella, Flavia Perina, Pif, Nicola Piovani, Franca Rame, Claudio Santamaria, Roberto Saviano, Riccardo Scamarcio, Daniele Silvestri, i Subsonica, il Trio Medusa, Roberto Vecchioni, Antonello Venditti, Dario Vergassola.

Il 24 ottobre 2011 è annunciato definitivamente il nuovo nome del programma: Servizio pubblico.

Il 3 novembre 2011 la prima puntata di Servizio pubblico ottiene uno share medio televisivo del 12% configurando la multipiattaforma TV come il terzo canale più visto a livello nazionale, e primo per l’informazione. Nel Web la stessa puntata ottiene un livello di ascolti record mai registrato in Italia con più di 300 000 utenti medi contemporanei e con 5 milioni di contatti complessivamente, il sito ufficiale della trasmissione risulta il primo canale sulla rete per 5 ore consecutive, e su iPhone e iPad l’evento è il più seguito di sempre con un picco di 4 000 utenti contemporanei, infine l’hashtag #serviziopubblico diventa trending topic su Twitter a livello italiano e, per poco tempo, mondiale.

A partire dalla seconda stagione, il programma venne trasmesso in tv dal canale televisivo LA7. L’accordo prevedeva un pagamento “chiavi in mano” per ogni puntata e piena libertà autoriale con l’assunzione da parte della Zerostudio’s di tutti i rischi legali.

Il programma ha utilizzato anche la piattaforma LiquidFeedback per consentire alla rete dei donatori di portare avanti proprie proposte politiche.

Il 10 gennaio 2013 Michele Santoro ospita il leader del PdL Silvio Berlusconi, la puntata viene seguita da quasi 9 milioni di telespettatori.

In una lettera ai telespettatori-donatori Michele Santoro annuncia che la quarta sarà l’ultima stagione di Servizio Pubblico vista la stanchezza del genere televisivo di approfondimento giornalistico causata dall’eccessiva e paradossale crescita dell’offerta di questi programmi a causa del loro ridotto costo di produzione, ciò malgrado il calo della domanda. Dalla stagione televisiva successiva ci sarà, oltre che eventualmente Announo condotto da Giulia Innocenzi, un nuovo tipo di “viaggio” che si presume sarà caratterizzato da contaminazione tra diversi generi televisivi e da una minore presenza in video nell’arco della stagione dell’anchorman salernitano che sarà dunque più autore-ideatore-direttore che conduttore.

Il 18 maggio 2015, Michele Santoro annuncia di non avere intenzione di rinnovare il proprio contratto con LA7, ormai in scadenza: il conduttore campano pertanto conferma la decisione di abbandonare la conduzione di Servizio Pubblico, sancendo quindi la chiusura ufficiale del programma. Santoro motiva la sua decisione dichiarando di volersi dedicare a nuovi progetti televisivi, che comunque non saranno destinati ad avere una tale longevità (quasi quattro anni), in modo da consentire all’anchorman di poter finalmente sperimentare una pluralità di diversi formati che, se si soffermasse per lungo tempo su uno solo, non riuscirebbe a realizzare per evidenti limiti di età anagrafica. Il conduttore durante la conferenza stampa difende ugualmente i talk show di approfondimento politico, definendoli utili per la conoscenza degli italiani, insopprimibili e fisiologicamente di successo (il loro attuale calo di popolarità dipenderebbe, secondo il conduttore, dall’inflazione del genere, causata dall’eccessiva offerta, e dal momento politico molto fiacco).

Il 18 giugno in diretta da Largo Annigoni a Firenze Santoro conduce Rosso di sera, un’ultima puntata speciale di Servizio Pubblico, con ospiti Carla Fracci, Franco Battiato, Bianca Berlinguer, Cristiano De André, Alessandro De Angelis, Teresa De Sio, Gianni Dragoni, Sabrina Ferilli, Monica Guerritore, Giulia Innocenzi, J-Ax, Maurizio Landini, Gad Lerner, Alessandro Mannarino, Tomaso Montanari, Alba Parietti, Nicola Piovani, Sandro Ruotolo, Marco Travaglio e Vauro.

Michele Santoro torna su Rai 2 il 5 ottobre 2016 con la prima puntata di Italia, un programma di 4 puntate trasmesso in streaming sul sito www.serviziopubblico.it ed è descritto come “un viaggio, ma anche un grande evento in diretta arricchito da contributi filmati, per parlare in maniera approfondita del nostro Paese”. Il nome del programma deriva dall’omonimo dirigibile progettato nel 1928 dal generale Umberto Nobile, che si proponeva di volare per la prima volta fino al Polo Nord. La prima tappa del viaggio di “Italia” si svolge tra Ibiza e Dubai ed è una rilettura di “Tuttiricchi”, lo Sciuscià – andato in onda nel 2001 – che descrisse in profondità la vera ideologia del berlusconismo. Il tema del reportage è il passaggio dall’illusione di poter diventare tutti ricchi fino al disincanto del sentirsi ricchi nello sballo di una notte.

Il programma, nato dalle ceneri del talk-show politico Annozero di Rai 2, conserva numerosi giornalisti della vecchia redazione diretti da Michele Santoro (azionista di maggioranza della società produttrice, ideatore, conduttore, autore e direttore del programma) e da Sandro Ruotolo (vicedirettore e coautore oltre che storico inviato di punta della trasmissione). Invece presenti in studio con Michele Santoro gli storici collaboratori esterni Marco Travaglio (con il suo editoriale), Vauro (con le sue vignette) e dal 25 ottobre 2012 al 19 gennaio 2013 Luisella Costamagna, sostituita poi dalla giornalista della redazione di Servizio Pubblico Maddalena Oliva (caporedattrice) che affianca l’altra risorsa “interna” Giulia Innocenzi (presidente Associazione Servizio Pubblico).

Il costo di ogni puntata è di circa 250 000 euro (Annozero, che non doveva sostenere le spese di affitto dello studio, ne costava 194 000). Tali costi di gestione, con particolare riferimento alla prima stagione la quale vedeva il programma reggersi su una “rete zero” (multipiattaforma di emittenti), furono sostenibili anche grazie alle sottoscrizioni, di almeno dieci euro, effettuate dai telespettatori nel corso della iniziale raccolta fondi lanciata nell’8 ottobre 2011, tramite i quali fu fondata la ONLUS Associazione Servizio Pubblico.

Il bilancio annuale di Servizio Pubblico è pubblicamente consultabile sul sito della trasmissione, anche se l’ultimo bilancio pubblicato sul medesimo risale al 30 giugno 2012, presumibilmente a causa delle clausole di riservatezza a favore di LA7, previste dal contratto con la stessa.

Simbolo del programma è il celebre mosaico della Casa del Poeta Tragico degli scavi archeologici di Pompei, raffigurante un cane nero al guinzaglio con sotto la scritta Cave canem (“attenti al cane”).

La società editrice del programma era Zerostudio’s S.r.l., il cui capitale sociale, al mese di gennaio 2012, ammontava a 199 000 €, così ripartito tra i seguenti soci:

Presidente e amministratore delegato è Cinzia Monteverdi (azionista e amministratore delegato di Editoriale Il Fatto S.p.A.), nel consiglio di amministrazione della società vi sono anche Michele Santoro, Sanja Podgayski (moglie di Santoro) e Maria Fibbi.

La prima stagione è andata in onda dal 3 novembre 2011 al 6 giugno 2012 ogni giovedì sera (esclusi alcuni periodi di ferie per le festività natalizie, pasquali e in occasione della coincidenza con il Festival di Sanremo in cui super ospite era Adriano Celentano alla cui partecipazione è stata dedicata la puntata successiva con anche un’intervista esclusiva al Molleggiato, tuttavia in tutte queste occasioni sono state trasmessi speciali sostitutivi), in prima serata, per un totale di 27 puntate (una in più di quanto previsto in sede di presentazione della stagione tv resa possibile dagli ottimi ascolti e introiti pubblicitari del programma di cui la parte spettante al secondo azionista della società – i donatori riuniti nell’Associazione Servizio Pubblico – è stata assegnata anche tramite la prima edizione del concorso Generazione Reporter) e vari speciali (di cui 4 trasmessi anche in tv da Cielo e altri trasmessi solo da www.serviziopubblico.it e da www.ilfattoquotidiano.it. Oltre ai canali 100,500 e 504 della piattaforma Sky la prima di Servizio pubblico veniva trasmessa principalmente attraverso reti televisive locali:

In più, i siti internet de il Fatto Quotidiano del Corriere della Sera, de La Repubblica (fino a febbraio 2012) e di Blitz quotidiano trasmettevano il programma in streaming (oltre al sito ufficiale della trasmissione www.serviziopubblico.it e alla pagina ufficiale Facebook).Il programma era trasmesso anche in diretta radiofonica da Radio Capital (fino al 22 dicembre 2011) e da Radio Radicale (dal 12 gennaio 2012)

Dal 12 gennaio 2012 Servizio pubblico viene trasmesso, oltre che sui canali della prima stagione, anche su Cielo. Cielo ha trasmesso anche quattro puntate speciali, caratterizzate per l’assenza della componente talk nel programma, trasmesse in esclusiva su Cielo. Il programma per un certo periodo è stato trasmesso anche in diretta sul canale YouTube del programma, dove comunque puntualmente venivano caricati tutti i video della produzione della redazione. Gli ottimi ascolti hanno consentito una buona raccolta pubblicitaria e così l’Associazione Servizio Pubblico ha potuto istituire il concorso per giovani giornalisti “Generazione Reporter”, per ricompensare la spesa dei 10 euro dei donatori, a prova che come detto subito da Santoro quella non era una donazione bensì un investimento.

A partire dalla seconda stagione in onda dal 25 ottobre 2012 il programma veniva trasmesso, sempre con le stesse modalità del precedente anno a “chiavi in mano”, su LA7, in streaming sul sito ufficiale del programma, dell’emittente e de Il Fatto Quotidiano oltre che su YouTube. La diretta radio viene trasmessa da Radio Radicale..

La nuova sigla della trasmissione è realizzata da Nicola Piovani

kelme t shirt

KELME Elastic Long-sleeve Tights Pratice Football T-shirt Breathable Perspiration

BUY NOW

39.99
26.99

, già autore di quella di Annozero. Si tratta di un riadattamento del brano denominato Le colonne d’Ercole, contenuto nell’album I viaggi di Ulisse.

Il 25 ottobre 2012 va in onda la prima puntata che ottiene un ascolto medio pari al 12,99% di share medio, superiore di più di 9 punti rispetto alla media di rete in prima serata.

Con la puntata del 10 gennaio 2013 Servizio Pubblico, con ospite Silvio Berlusconi, ha realizzato il record storico per LA7 e per qualsiasi emittente esterna al duopolio Rai-Mediaset con il 33,58% di share medio.

Gli ottimi ascolti hanno consentito grandi introiti alla società produttrice del programma Zerostudio’s di cui la parte spettante ai donatori riuniti nell’Associazione Servizio Pubblico è stata assegnata anche quest’anno tramite il concorso Generazione Reporter, giunto alla seconda edizione, la cui premiazione è avvenuta nell’ultima puntata il 31 maggio 2013.

La terza stagione è andata in onda da giovedì 26 settembre 2013 sempre su LA7. Il programma veniva trasmesso, sempre con le stesse modalità dei precedenti anni a “chiavi in mano”, su LA7, in streaming sul sito ufficiale del programma, al cui flusso si collegano i siti dell’emittente e de Il Fatto Quotidiano.

Durante la stagione (e in particolare al termine di essa, dopo la conclusione dello spin-off Announo) sono stati creati speciali (oltre quelli di “Servizio Pubblico Più” trasmessi da LA7), in esclusiva per il web, talora anche interattivi (sezione “argomenti” del sito del programma).

Gli ottimi ascolti hanno consentito grandi introiti alla società produttrice Zerostudio’s di cui una giusta parte anche quest’anno è stata assegnata ai donatori riuniti nell’Associazione Servizio Pubblico tramite il concorso Generazione Reporter, giunto alla terza edizione, la cui premiazione è avvenuta nell’ultima puntata di Announo con una novità rispetto alle precedenti edizioni: anziché offrire premi pecuniari è stato messo in palio per il vincitore un contratto di 6 mesi di lavoro nella redazione del programma.

La stagione, come anticipato, si è conclusa con lo spin-off Announo: un nuovo format durato 5 giovedì con 24 ragazzi selezionati a confronto con uno o due politici. Il programma ideato e diretto da Michele Santoro, ma condotto da Giulia Innocenzi coinvolgeva gran parte della redazione (soprattutto i membri più giovani) di Servizio Pubblico con l’aggiunta dell’ex iena Pablo Trincia che ad agosto 2014 ha comunque ufficializzato il suo passaggio definitivo alla redazione di Servizio Pubblico ed è dunque stabilmente nell’organico della redazione di Zerostudio’s.

La quarta stagione è andata in onda da giovedì 25 settembre 2014 sempre su La7. Il programma veniva trasmesso, sempre con le stesse modalità dei precedenti anni a “chiavi in mano”, su LA7, in streaming sul sito ufficiale del programma, al cui flusso si collegano i siti dell’emittente e de Il Fatto Quotidiano. La stagione, come scrive lo stesso leader del programma Santoro in una lettera ai suoi telespettatori e donatori, si preannuncia difficile vista la stanchezza del genere “approfondimento giornalistico” e il contemporaneo aumento dell’offerta giustificato solo dal ridotto costo di produzione dei talk rispetto ad altri generi. Per queste ragioni il conduttore salernitano annuncia che questa quarta stagione sarà l’ultima di Servizio Pubblico cui seguirà un nuovo tipo di “viaggio” che si presume sarà caratterizzato da contaminazione tra diversi generi televisivi e da una minore presenza in video nell’arco della stagione di Santoro che sarà più autore e meno conduttore. Questa previsione è stata confermata e la stagione ha avuto un inizio, in termini di ascolti, più difficile se confrontato con le precedenti stagioni record o con i programmi di diverso genere in onda il giovedì su altre reti, ma comunque migliore della maggior parte degli altri talk di prima serata grazie anche ad alcune piccole novità apportate, tra cui l’invenzione di Nazareno Renzoni, una parodia a Renzi e ai suoi eccessivamente troppo stretti rapporti con Silvio Berlusconi e la destra. La stagione si chiude con la puntata speciale in diretta da Firenze “Rosso di sera” con molti personaggi della cultura e dello spettacolo che ha riscosso un ottimo ascolto (migliorato di quasi due punti percentuali l’ascolto della prima serata di Announo del giovedì precedenti) pressoché eguagliando il proprio record stagionale in termini di share. Tale puntata, caratterizzata da un molto più elevato dell’ordinario costo di produzione, va letta come una festa, un ringraziamento e una “restituzione” ai 100.000 donatori dei loro 10€ (che hanno consentito, tra l’altro, anche la realizzazione nei tre anni precedenti del concorso Generazione Reporter) dati quattro anni fa a fronte dell’impegno a realizzare 8 puntate di Servizio Pubblico, di cui invece si sono prodotte 107 puntate cui vanno aggiunti 4 speciali, 14 puntate di Servizio Pubblico Più e 15 puntate di Announo.

      Massimo       Minimo

2,02%

Dal 27 dicembre 2012 sono andati in onda su LA7 alcuni speciali (come l’anno precedente), elevati al rango di un vero e proprio programma a sé “Servizio Pubblico Più”, una serie di docufiction, reportage e inchieste sui fatti di attualità, presentati da Sandro Ruotolo o da Michele Santoro. Nella stagione 2012/2013 le puntate (escluso “Un paese fuori di testa”) andarono in onda, al posto dell’ordinario “Servizio pubblico”, il giovedì in prima serata alle 21.10 su LA7 con editoriale introduttivo di Michele Santoro o di Sandro Ruotolo. La puntata “L’età dell’innocenza 2” è caratterizzata da reportage inframezzati da interventi delle colonne portanti di Servizio Pubblico: oltre a Michele Santoro, ci sono stati infatti gli interventi di Marco Travaglio, Gianni Dragoni e Vauro.

Tale appuntamento viene confermato anche nella terza stagione televisiva con cadenza occasionale. La novità di questa stagione è che quasi sempre l’inchiesta, il reportage o la docufiction sono inframezzati da componenti “talk” con la presenza di ospiti in occasione dei primi due appuntamenti domenicali e con gli interventi di Santoro, Travaglio, Dragoni e Vauro nella puntata del giovedì sostitutiva del talk classico.La trasmissione del 24 aprile 2014 andata in onda in luogo di Servizio Pubblico è caratterizzata da reportage inframezzati da inediti interventi delle colonne portanti di Servizio Pubblico: oltre a Michele Santoro, ci sono stati infatti gli interventi di Marco Travaglio, Gianni Dragoni e Vauro. L’ultima puntata stagionale di Servizio Pubblico Più andata a sorpresa in onda venerdì 27 giugno 2014 alle 21:10 (giornata di pausa dei mondiali di calcio) è stata caratterizzata invece dalla presenza di quattro reportage in un’unica serata. La conduzione nella stagione 2013/2014, quando presente, è stata sempre affidata al vicedirettore e coautore di Servizio Pubblico Sandro Ruotolo.

“Servizio Pubblico Più” viene confermato con la sua cadenza occasionale come terza trasmissione della Zerostudio’s s.r.l., accanto ai canonici “Servizio Pubblico” e “Announo”, anche nella stagione 2014/2015 con la prima puntata, andata in onda a sorpresa nel preserale di domenica 9 novembre dalle 20:30 fino alle 21:10 su LA7, costituita dalla versione integrale del reportage esclusivo tra Sierra Leone e Liberia sull’ebola che era già andato in onda “a spezzoni” nella puntata precedente di Servizio Pubblico di giovedì 6 novembre.

      Massimo    &nbsp a glass bottle Minimo

Announo era uno spin-off di Servizio pubblico, condotto da Giulia Innocenzi. Il programma si apriva con l’anteprima di Michele Santoro seguito poi dal dibattito, moderato dalla conduttrice, in studio con 1 o 2 personaggi della politica o della società civile italiana.

Altri progetti